BODY ACHE

 

Solo Show at Dimora Artica, Milan (IT)

09.04.2018/ 13.05.2018

The show it’s focused on the obsessive reproduction of the human body made through the use of technology. I create a biodegradable microcosm where the artworks can be modified by processes such as decomposition made possible by the temperature alterations, the air, the mould, the seeds, by the contaminations. In this way his works through a ritual process becomes matter of the world, like an electroshock. This process has been inspired also by the old millennialist religion named Cargo cult. Cargo Cult consists on worship objects belonging to the occidental mass society in order to summon their gods and to have consumer goods back. The objects are seen as a fetish, a medium, a bridge in between the material and the spiritual world. The Cloud storage system can be seen as a sacred place where in a similar but opposite process the immateriality of the SLT files becomes the materiality of the 3D printed objects. Through the reincarnation of the technological matter, the divine, the iperuranium and the data's archives are fundamental. The transformation of the matter has been made starting from the immaterial, from the idea, from the spiritual matrix that, unlike Christ's body, doesn't elevates but decays.

PRESS                                                                                                                                            Press Release

Dimora Artica

Artribune

Arte

Vanadio,2018. Sculture 3D render

Vanadio 3D model made by assembling parts of animal and human bodies taken from the internet.

Le lacrime sono gli ectoplasmi del dolore. la loro struttura molecolare assomiglia a quella del Vanadio. Considerati truffe ben architettate, intestini animali o sostanze organiche prima ingerite e poi fatte fuoriuscire dai più disparati orifizi, oggi gli ectoplasmi trovano fondamento per via di secrezioni lipidiche prodotte dalla ghiandola di Meibomio. 

A contatto con l’ambiente esterno tali sostanze, miste a strati mucosi e acquosi, mutano dimensione, si espandono, si modificano. il loro peso può aumentare fino a prosciugare il medium. 

Marthe Beraud in uno dei libri senza nome conservati alla Mediateca di Santa Teresa, descrisse gli ectoplasmi come “informi masse biancastre simili a morbidi panneggi, tessuti escrementizi viscidi e lattiginosi”. La scaramazza iridescente incastonata nel pavimento in granito della sala degli specchi sarebbe quindi l’ectoplasma di Barbara Litta versato dal legamento sospensorio alla vista di Napoleone. Fu proprio tale perla irregolare ad ispirare Ilya Salmanzadeh nella realizzazione del singolo di Ariana Grande “No Tears Left to Cry”.

Vacuum Confession chapter 6.1: Body Ache, 2018

In una delle sale del Museum voor Schone Kunsten di Gand, accanto ad un’opera di Jan de Bray, quella con i bambini affetti dalla Sindrome di Allermann Streiff, risiede il fallo eretto di Cristo dolente, dipinto dall’artista Maarten van Heemskerck. Lo sguardo terrorizzato, la costola maciullata dal ferro e dall’uomo, il fallo eretto coperto da un sottile strato di seta perlacea. 

Dopo la peste, male del mondo che ridusse in brandelli innumerevoli artisti promettenti, i superstiti valorizzarono le fattezze umane di dio, con la conseguente genitalizzazione di nostro signore Gesù Cristo. Fu quindi abolito il rito della circoncisione, testimonianza della donazione di sangue agli uomini, scritto nel Vangelo secondo Luca. L’Ostentatio Genitalium oggi è anche il titolo di una campagna contro l’abolizione di wurstel di manzo in Borgogna. Molte sono le raffigurazioni sul desiderio sfrenato di curiosare sotto le vesti di Gesù. Nell’Adorazione dei Magi Tornabuoni, uno dei magi cerca di scoprire la veste del Gesù bambino per costatarne la sessualità maschile. L’opera, orgoglio degli Uffizi, nel 2011 è stata censurata da Wikipedia. Al posto della zona pubica e perianale, una raffigurazione in pixel della Florida. 

Vacuum Confession chapter 6.2: Body Ache,2018