Esiste un'etica del'addio

 

 

Through the use of technologies such as plotters, 3D printers and open source models, these works invoke continuous references to the transience of life, creating a series of bridges with technological space, considered a privileged place for divine and transcendental matter.

In these works, the main purpose consists in the return of the power of the text as a paper, and of the 3D printing as a body, restoring autonomy to the work of art, as a sentient living being.

PRESS

Artribune

Segno

Esiste un’etica dell’addio, 2017. Inkjet print, 3D print, PLA, nucleroid, plants, parts of chysalidocarpus lutescens,flowers, black powder, water, sesame seeds. Installation view at Palazzo Magini, Cortona (IT) Photo: Claudia Cucca

Esiste un’etica dell’addio, 2017. Inkjet print, 3D print, PLA, nucleroid, plants, parts of chysalidocarpus lutescens,flowers, black powder, water, sesame seeds. Installation view at Palazzo Magini, Cortona (IT) Photo: Claudia Cucca

Vacuum Confession: Etica dell'addio, 2017. Photo: Claudia Cucca

Credeva sarebbero venuti a prenderlo.

Un cargo della vita e della morte, che l’avrebbe ucciso e condotto a nuova vita.

Lo pensava anche Michael Jackson, ritrovato morto sulle piastrelle in laterizio gialle del bagno nella sua villa a Los Angeles, ricoperto da un velo di ganzo a foglie di acanto e imbottito di Profol. Sul comodino del motel a ore pagato in anticipo, all’inizio di mission bay drive, il libro “ma gli androidi sognano pecore elettriche?” Di Philip Dick.

Il grande telescopio Celestron edge hd 1400 ota sfondava la finestra in perspex. Il telescopio, comprato con amazon prime ad un prezzo scontato, sarebbe stato in grado di veder arrivare il cargo, nascosto dietro la coda al sodio della cometa c/1995 o1. Sfortunatamente, il cargo non c’era, o meglio, il telescopio non ha funzionato; e così il dispendioso strumento, fu riportato alla sede piacentina di amazon con posta prioritaria internazionale. Esprimere un desiderio sotto le stelle, sulla rugiada di acqua Evia, sembra essere più facile che farlo con potenti apparecchiature.

 

La tecnologia, come ora la conosciamo, e le tecniche, che un tempo conoscevamo, commettono più danni di un gatto che salta in preda al panico dopo aver visto cetrioli e zucchine a terra. 
 

Duncan Macdougall commise un errore nel calcolare, al momento della morte del corpo, il peso dell’anima. Stesi, su tavoli d’acciaio, i corpi quasi esanimi attendono di essere analizzati e pesati. 
La prassi attuata dal medico però conteneva operazioni che compromisero il calcolo esatto. L’assunzione di colliri midriatici per via oculare, somministrata ai pazienti in attesa dell’estrema unzione, favoriva l’individuazione del momento esatto del passaggio a miglior vita. Purtroppo, tali farmaci hanno un tempo di evaporazione molto breve, essendo composti da soluzioni alcoliche, tali per cui l’assenza di una quantità minima di grammi dal corpo dei neo-defunti, potrebbe ricondursi a questa reazione, rendendo inutile tale esperimento.


L’anima, se esiste, pesa meno di 21 grammi.
I calligrafici giapponesi, durante il periodo Meiji, erano analfabeti. Impedire l’influenza della parola scritta, con la conseguente trasformazione della lettera in forma, permetteva agli amanuensi esotici di pregare e al tempo stesso non pensare.
Non è vero che le bottiglie di coca-cola sono tutte uguali. Un barbone non ha mai comprato una coca-cola in vetro da 330 ml. Lo sa il barbone come lo sai anche tu: la forma conta. 
<<esiste un’etica dell’addio>> disse Simona Izzo riferendosi al cattivo gesto compiuto da Cecilia Rodríguez all’interno della casa del grande fratello. <<non si può lasciare un ragazzo dicendogli: insegui i tuoi sogni>>.  
Gli stessi sogni inseguiti dai trentasei seguaci ritrovati morti nei pressi di San Diego, a Santa Rancho Fe. 


<<… e da allora ci siamo ammalati di questo, ci siamo ammalati di polvere.>>. Si tratta di una punizione divina per un rifiuto deliberato. Una lancia di grana finissima, quasi invisibile, scagliata da una mano invisibile.  
Nei culti di tipo millenarista sincretico, risposte trascendentali come quelle della polvere furono agognate da secoli e tutt’ora, presso alcune popolazioni oceaniche, l’attesa di tali risposte è ancora valida. Un aereo non vola, un telefono non chiama, le feci non odorano, come l’opera di Wim Delvoye. Diversi aborigeni sono in attesa, mentre indossano antenne fatte di poacee. 
Tutto sembra inutilizzabile e sconvolto. 
L’inutilità dell’oggetto e la parodia della forma sono componenti fondamentali del culto dei cargo. Gli oggetti sono entità potenziali, mollicci dai mille usi, proprio come mozziconi di sigaretta in mare, che poi diventano cibo per pesci. 
Ma se dal cielo dovesse cadere qualcosa, grazie all’invocazione di qualche divinità abenachi, quel qualcosa sarebbe di certo carne di unicorno. 
Il culto del cargo, un incrocio tra credenze cristiane e animiste, diede vita a personaggi come John Frum e permise la costruzione di ferrovie e altri sistemi di trasporto con foglie di elaeis guineensis e lacci di clematis. 
Quanti treni mai partiti e panchine calde. 
Noi due, abbracciati, avvolti dalla brina, in silenzio. Perché non c’è niente di più bello del silenzio delle anime che si toccano senza far rumore. 
I popoli si svuotano a pietralata. 
I fantasmi dormono. I treni sono senza guidatore. Viaggiare nel crepuscolo e vedere la notte arrivare dal finestrino del treno sudicio e maleodorante. In silenzio. Il desiderio di acqua Blk e orologi Van Cleef. 
Chissà dove si trova la cometa, quando verrà a prenderci o a donarci qualcosa.
Io per ora voglio solo acqua Evia, senza sodio.

Esiste un’etica dell’addio (detail), 2017. Installation view at Palazzo Magini, Cortona (IT) Photo: Claudia Cucca

Esiste un’etica dell’addio: Rhinovirus, 2017. 3D print, PLA, nucleroid, plants, parts of chysalidocarpus lutescens,flowers, black powder, water, sesame seeds. Photo: Claudia Cucca

Esiste un’etica dell’addio: Rhinovirus, 2017 (detail) Photo: Claudia Cucca

Esiste un’etica dell’addio: Rhinovirus, 2017 (detail) Photo: Claudia Cucca

Esiste un’etica dell’addio: Phy174, 2017. 3d print, PLA, turmenic powder, plants, flowers, sesame seeds, dirt, mould. Courtesy:the artist

Esiste un’etica dell’addio: Phy174 (detail), 2017.